L’AGCOM multa TIM e Wind Tre

Oltre alle varie offerte, rimodulazioni e acquisizione di clienti, sono arrivate anche brutte notizie per per alcuni gestori. Vediamo infatti che per TIM e Wind Tre arrivano dall’AGCOM due ordinanze, le quali hanno comminato altrettante sanzioni pecuniarie a questi due operatori telefonici.
Vediamo prima TIM, che secondo l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, i siti dedicati alle offerte consumer e business non rispettavano tutte le prescrizioni di cui all’art. 4 della delibera n. 252/16/CONS

Nel dettaglio, vediamo che l’operatore è stato accusato di non riportare in alcuni schemi grafici i nomi commerciali dei piani ma solo dei codici alfanumerici. In oltre, relativamente ad alcune offerte di linea mobile con traffico dati, l’indicazione dei costi per la navigazione Internet extra soglia. L’accusa in conclusione, ha decretato la colpevolezza dell’autore.
L’AGCOM ha, quindi sentenziato una sanzione amministrativa pecuniaria di 87.000 euro da pagare per l’operatore TIM.
Passando, poi a Wind Tre, secondo l’AGCOM nelle pagine di trasparenza tariffaria del brand Wind non era presente l’elenco delle offerte vigenti non più attivabili.

In più erano stati sollevati dubbi anche per quanto riguarda i costi di disattivazione o recesso delle offerte da rete fissa mentre. Sul sito Tre, infine, vi erano problemi di incompletezza nella pagina dedicata alla trasparenza tariffaria.
Di conseguenza alle varie accuse l’AGCOM ha pertanto ordinato a Wind Tre di pagare una sanzione amministrativa pecuniaria di 348.000 euro.

L’AGCOM multa TIM e Wind Tre

Leave a comment