Detrazione del 19% sugli interessi passivi.

Il mutuo per l’abitazione principale dà diritto a una detrazione del 19% sugli interessi passivi versati, sulla base di una certificazione inviata annualmente dalla banca al cliente. Di base, quando si è titolari esclusivi di un mutuo prima casa si ha la possibilità di detrarre al 19% gli interessi passivi del mutuo nel limite massimo di 4.000 euro. Il limite viene dimezzato in caso di cointestazione del mutuo tra due persone, vale a dire che ciascun intestatario può detrarre la sua quota, fino a un massimo di 2.000 euro. Per beneficiare della detrazione è necessario che si tratti dell’abitazione principale, quindi della casa di residenza, o che lo diventi entro un anno dall’acquisto. Poiché però in tema abitativo possono esserci tante varianti è necessario informarsi sul funzionamento delle detrazioni nei singoli casi e su eventuali esclusioni.

Ci sono però alcuni casi particolari. Se si sta pagando il mutuo per una casa acquistata per un figlio è necessario che diventi la sua abitazione principale entro un anno dall’acquisto e la detrazione spetta comunque e sempre al proprietario di casa e intestatario del mutuo, nel caso specifico il genitore. Se la casa fosse intestata al figlio e il mutuo al genitore, nessuno dei due potrebbe avvalersi della detrazione, perché per farlo è necessario soddisfare tutte le condizioni: essere proprietario dell’immobile e anche intestatario del mutuo.

Un’altra situazione può vedere una casa di proprietà con mutuo attivato ma data in affitto a una terza persona. Quando si acquista una casa affittata è necessario, per beneficiare delle detrazioni sugli interessi passivi, notificare lo sfratto per cessata locazione all’inquilino entro tre mesi dal rogito e che la casa in oggetto diventi l’abitazione principale del mutuatario entro un anno.

Infine, quando si parla di seconda casa, e quindi non di abitazione abituale e principale, la detrazione al 19% sugli interessi passivi è possibile solo per mutui stipulati prima del 1993 e vale per una somma massima di 2.065,83 euro.

Detrazione del 19% sugli interessi passivi.

Leave a comment