Sempre meno accise sul carburante

L’annuncio dei primi tagli sulle vecchie accise dei carburanti arriva dal sottosegretario all’Economia dell’Esecutivo, Massimo Bitonci. La promessa era stata già fatta in campagna elettorale dall’attuale maggioranza di Governo, che adesso sta effettuando i conteggi per valutare al meglio l’intervento. “Ci sarà un primo sfoltimento”, spiega Bitonci, “e cancelleremo quelle più datate nel tempo”. Quanto deciso dall’Esecutivo sarebbe un primo passo verso la cancellazione di tutte le voci anacronistiche, che secondo i calcoli delle Associazioni dei consumatori valgono fino a 20 centesimi per ogni litro di carburante. Rientrano in questa categoria le maggiorazioni che hanno finanziato i conflitti dello scorso secolo o la ricostruzione di alcune città dopo le calamità naturali, come per esempio la guerra in Abissinia e in Bosnia, l’alluvione di Firenze e i terremoti di Friuli e Irpinia.

L’Italia è in cima alla classifica delle spese di gestione delle quattroruote con un esborso per veicolo di 761 euro al mese, una cifra nettamente più alta rispetto ai 616 euro della media europea. I parametri in aumento riguardando i pezzi di ricambio e lubrificanti. Questo è causato dall’anzianità del parco circolante e la maggiore attenzione alla manutenzione del mezzo da parte dei proprietari, i quali hanno capito che trascurare l’auto può portare danni costosi in futuro e situazioni di pericolo per la sicurezza propria e degli altri guidatori.

 

Una spesa che i guidatori possono in parte controllare è quella dell’RC Auto, che in questa prima parte dell’anno ha fatto registrare una leggera risalita dei premi.

La situazione dovrebbe cambiare grazie agli sconti in favore degli assicurati previsti dal Ddl concorrenza, messi a punto durante l’estate del 2017. Ricordiamo che la bozza del decreto attuativo, fondamentale per disciplinare i bonus, è stata pubblicata sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dovrebbe diventare operativa in tempi brevi.

I criteri per determinare i tagli sulle tariffe sono contenuti nel Regolamento 37/2018 dell’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni): in particolare, è previsto per gli assicurati uno sconto obbligatorio, che è subordinato all’ispezione preventiva del veicolo e all’installazione sul mezzo di meccanismi elettronici per registrarne l’attività (scatola nera o equivalenti) e impedirne l’avvio del motore in caso di tasso alcolemico del guidatore superiore ai limiti di legge (alcolock). In più, per gli automobilisti virtuosi che non hanno causato incidenti e risiedono nelle province ad alta sinistrosità, sarà possibile usufruire di uno sconto aggiuntivo.

Sempre meno accise sul carburante

Leave a comment