Corsa a due per la piattaforma Sky

Sarà un’asta a decidere il futuro di Sky: la battaglia è tra Comcast e Fox per aggiudicarsi il controllo di Sky Plc, la società quotata al London Stock Exchange cui fa capo anche Sky Italia. Lo ha deciso ieri la vigilanza britannica definendo anche tempi e modalità del processo di offerta che inizierà ufficialmente il 22/09 e terminerà il giorno successivo con un massimo di tre round di rilanci. Come riportato da più fonti, in ballo c’è il controllo completo di Sky: Fox ne ha già il 39% e lo vorrebbe tutto, ma la piattaforma europea con 26 milioni di abbonati piace anche a Comcast. La piattaforma Sky è ritenuta la via principale per conquistare il mercato europeo e competere ad armi pari con Netflix e Amazon, e per questo è tanto ambita. Sky in Europa è, infatti, presente in Italia, Gran Bretagna, Irlanda, Germania, Austria. Mercati molto appetibili sia per Comcast che per Fox. La stessa Fox si è appena accordata con Disney per cedere gran parte degli asset del gruppo legati all’intrattenimento, oltre che la stessa Sky News. Era stata proprio la «Competition and Markets Authority» britannica a stoppare l’acquisizione del pieno controllo di Sky da parte del tycoon Rupert Murdoch, nel 2016, proprio perché avrebbe portato Murdoch ad avere troppo controllo sui media del Regno Unito e su tutte le piattaforme di notizie. Poi, a fine 2017, è arrivata l’operazione Disney con cui Murdoch ha venduto alcuni asset della 21th Century Fox. Per il momento, l’offerta di Comcast, a 14,75 sterline per azione, o 26 miliardi di sterline in totale, è superiore alle 14 sterline offerte da Fox che valorizzano Sky 24,5 miliardi. Fox e Comcast possono ancora aumentare la loro offerta fino a venerdì alle 16, momento in cui inizierà l’asta. Il clou si raggiungerà nella giornata di sabato quando è previsto un massimo di tre round tra i contendenti. Al termine dell’asta, che durerà 24 ore, il regolatore pubblicherà i risultati, rivelando le offerte. Entrambi i gruppi comunicheranno le loro proposte entro le 6 del lunedì mattina successivo. A quel punto gli azionisti di Sky avranno un paio di settimane per decidere quale offerta è la più interessante e mettere termine così a una lunga attesa che mette in competizione tre grandi società quotate in Borsa. È stato il «Takeover Panel», l’ente britannico che regola le fusioni e le acquisizioni, a ricorrere a questo meccanismo d’asta piuttosto insolito per l’acquisizione di società di queste dimensioni.

Corsa a due per la piattaforma Sky

Leave a comment